Comprare saldo e stralcio

Saldo e stralcio immobiliare: cos’è e perché conviene comprare casa in questa modalità

Lo stralcio immobiliare è una procedura che permette di intervenire nella compravendita di immobili pignorati stabilendo un accordo sia con il creditore che con il venditore. Comprare in saldo e stralcio immobiliare permette, dunque, di evitare che la casa finisca all’asta.

Gli stralci immobiliari sono convenienti sia per il creditore (generalmente una banca) sia per il debitore che, naturalmente, per l’acquirente. Il creditore, infatti, può recuperare il denaro in tempi molto più rapidi senza dover attendere l’asta immobiliare. Il debitore, d’altra parte, può estinguere velocemente e totalmente il suo debito. L’acquirente, infine, ha la certezza di ottenere l’immobile velocemente e a un prezzo vantaggioso.

Tuttavia, nonostante gli indubbi vantaggi, lo stralcio immobiliare è un’operazione piuttosto complessa con numerosi risvolti legali. Approfondiamo in questo articolo le cose da sapere per comprare casa in questa modalità.

Sei interessato all’acquisto di un immobile in saldo e stralcio e vuoi richiedere il parere di un esperto? Compila il form di contatto per ricevere una consulenza gratuita da parte di un nostro mentore immobiliare.


Come funzionano gli stralci immobiliari?

Il primo passo per acquistare casa in saldo e stralcio immobiliare è quella di ottenere la delega da parte del debitore per poter trattare a suo nome.

In genere non si riscontrano particolari resistenza in questa fase. La denominazione “saldo e stralcio” significa, infatti, che se il creditore accetta il debito si considera stralciato. Questo non avviene invece nei casi di vendita all’asta, in cui se il ricavato non è sufficiente a coprire l’intero debito, il debitore rimane in obbligo della restante parte.

Fatto questo sarà necessario presentare una proposta di saldo e stralcio alla banca. Se la banca (o un eventuale altro creditore) accetta, allora l’immobile verrà ritirato dalla vendita all’asta.

In seguito verrà fissato il rogito in Tribunale, in modo tale che, una volta consegnata la somma nelle mani del creditore, questo possa firmare la rinuncia agli atti del giudizio. Infine, il giudice dell’ordinanza provvederà a notificare l’estinzione del debito. Qualora non fosse possibile procedere all’ordinanza direttamente in Tribunale, sarà il notaio a farsi carico di ottenere il provvedimento di estinzione del giudice.

Saldo e stralcio immobiliare: quanto offrire?

La notevole riduzione di spesa rispetto al valore dell’immobile è uno dei motivi per cui conviene comprare casa in saldo e stralcio.

Per questo motivo la proposta di saldo e stralcio, generalmente, è inferiore di almeno il 40% rispetto al valore della casa.

Forse ti starai chiedendo perché la banca dovrebbe accettare un prezzo più basso del credito che ha erogato. Il motivo è molto semplice. La modalità di saldo e stralcio permette all’istituto di credito di ottenere il 60% di quello che gli spetta subito, senza attendere anni per riuscire forse a recuperare l’intera somma.

Il debitore, d’altra parte, può liberarsi immediatamente del suo debito, scongiurando il rischio di un’asta immobiliare che potrebbe portare a un deprezzamento dell’immobile tale  da non riuscire a coprire l’intera somma del prestito.

L’acquirente, infine, può avere la certezza di ottenere l’immobile senza dover competere con altri aspiranti compratori in un’asta immobiliare.

I rischi di acquistare casa in saldo e stralcio

Nonostante, come abbiamo visto, il saldo e stralcio immobiliare sia una modalità di compravendita vantaggiosa per tutte le parti in causa, ci sono alcuni svantaggi e rischi da parte del compratore che vale la pena approfondire.

Il primo svantaggio è quello di dover avere immediatamente disponibile una buona quantità di denaro. Il saldo e stralcio, infatti, si chiama così proprio perché permette l’immediata liquidazione del debito. Per questa ragione difficilmente sarà permesso di rateizzare il pagamento. Nella maggior parte dei casi la somma va versata interamente in un’unica soluzione.

Il rischio più grande, invece, riguarda l’eventualità di dimenticare qualche creditore. In questo caso l’acquirente si fa carico del debito del venditore e, se il debito non viene saldato a tutti i creditori, qualcuno di questi potrebbe rivendicare diritti sull’immobile acquistato.

Pertanto, prima di acquistare casa in saldo e stralcio conviene verificare e contattare tutti i creditori.

Inoltre, se avete finanze bloccate che vi servono per l’acquisto (ad esempio buoni fruttiferi) dovrete muovervi per tempo, perché i tempi burocratici per ottenere il denaro potrebbero essere superiori a quelli delle scadenze concordate con i creditori.

Infine, un ultimo consiglio è quello di prendere in considerazione l’idea di farsi assistere da dei professionisti. Questo perché l’acquisto in saldo e stralcio immobiliare è piuttosto complesso dal punto di vista legale e burocratico e una cattiva gestione può portare a conseguenze poco auspicabili, come appunto quella di ignorare qualche creditore.

Detto questo, l’acquisto di immobili in saldo e stralcio resta uno dei modi migliori per guadagnare dagli investimenti sul mattone, dal momento che permette di risparmiare fino al 50% del valore dell’immobile.

Se questo post ti è piaciuto e vuoi saperne di più sul mondo dell’acquisto immobiliare leggi anche il nostro articolo: quando è il momento di cambiare casa?