Domande frequenti

Il preliminare deve essere registrato presso un qualsiasi sportello dell'Agenzia delle Entrate entro 20 giorni dalla firma. Se il preliminare è stato redatto da un notaio, se ne occuperà direttamente il notaio stesso. Il costo della registrazione è di circa 170 euro. In aggiunta è obbligatorio il versamento di una imposta di registro in ragione del 3% sugli acconti di prezzo e dello 0,5% sulla caparra. Questi ultimi importi sono detraibili dalle imposte versate in sede di registrazione del rogito finale.

Se il rogito definitivo sarà soggetto a IVA, il preliminare deve essere registrato pagando la medesima imposta di cui sopra e, invece, unicamente lo 0,5 % sulla caparra. Quest'ultimo importo non sarà però detratto in occasione della registrazione del rogito definitivo.

È importante sottolineare che solo se il contratto preliminare viene redatto dal notaio e quindi trascritto nei registri immobiliari, allora il compratore può essere tranquillo che da quel momento il bene da lui scelto non può essere venduto ad altri né può essere soggetto a gravami di altra natura.


Was this answer helpful?

Chi compra una prima casa (quindi non possiede altri immobili a uso residenziale) ha diritto alle agevolazioni fiscali sia sull’acquisto sia sul riacquisto.

Le agevolazioni sull’acquisto sono l’imposta di Registro calcolata al 3%, quelle ipotecaria e catastale in misura fissa a 168 euro cadauna.

Le agevolazioni sul riacquisto si hanno se un privato vende la sua prima casa. In questo caso si ha il diritto a un credito di imposta sull’imposta di Registro, nel caso si acquisti una nuova casa entro un anno dalla vendita della vecchia.

Il credito non deve essere superiore all’ammontare della vecchia imposta di Registro.


Was this answer helpful?

Per accedere e usufruire delle agevolazioni fiscali sull’acquisto delle prima casa, l'acquirente deve dichiarare nell'atto di compravendita:

  1. di non essere titolare esclusivo (proprietario al 100%) o in comunione con il coniuge (la comproprietà con un soggetto diverso dal coniuge non è ostativa) di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di un'altra casa nel territorio dello stesso Comune dove sorge l'immobile oggetto dell'acquisto agevolato;
  2. di non essere titolare, neppure per quote o in comunione legale con il coniuge, su tutto il territorio nazionale, di diritti di proprietà o nuda proprietà, usufrutto, uso e abitazione su altra casa di abitazione acquistata, anche dal coniuge, usufruendo delle agevolazioni fiscali prima casa;
  3. di impegnarsi a stabilire la residenza, entro 18 mesi dall'acquisto, nel territorio del Comune dove è situato l'immobile da acquistare, qualora già non vi risieda.


Was this answer helpful?

L'Agenzia delle Entrate richiederà la differenza d’imposta da prima a seconda casa, una soprattassa del 30% e gli interessi di mora a meno che, entro un anno dalla vendita dell’immobile, non si ricompri un altro immobile da adibire a prima casa. Passati invece 5 anni si è liberi di vendere senza alcun vincolo.


Was this answer helpful?

La norma sul prezzo-valore consente la tassazione del trasferimento degli immobili sulla base del loro valore catastale, indipendentemente dal corrispettivo pattuito indicato nell'atto.

Il prezzo-valore si applica in caso di cessioni soggette a imposta di registro nei confronti di persone fisiche che non agiscano nell'esercizio di attività commerciali, artistiche o professionali. La norma riguarda i beni immobili a uso abitativo e le relative pertinenze e vale anche per gli acquisti di abitazioni che non godono delle agevolazioni "prima casa".


Was this answer helpful?

Gli annunci di vendita, a meno che non sia specificato, riportano sempre i metri quadrati lordi. Ciò significa che la superficie è comprensiva dei muri perimetrali esterni, delle tramezzature interne, metà dei balconi o terrazzi e un terzo delle cantine.


Was this answer helpful?

Il credito d’imposta è un bonus assegnato al venditore di un immobile per cui ha già usufruito delle agevolazioni “prima casa”, se entro un anno dalla data della vendita acquista un’altra abitazione (non di lusso) destinata come prima casa. In questo scenario, il venditore recupera l’imposta di registro e/o la IVA pagate. Il credito ammonta alla minore tra le due imposte pagate sugli atti di acquisto.

Il credito d’imposta può essere utilizzato ai fini della diminuzione dell’imposta di registro dovuta sul nuovo acquisto e della diminuzione delle imposte di registro, ipotecaria e catastale.


Was this answer helpful?

Dopo aver richiesto un finanziamento presso un qualsiasi Istituto di credito o società Finanziaria, se il richiedente non riesce a pagare le rate di rimborso o a proporre un piano di rientro o il saldo, l’Istituto di credito può adottare diverse modalità per recuperare il denaro prestato, fino ad arrivare alla azione legale che spesso culmina in un pignoramento presso terzi.

I passaggi con cui gli Istituti di credito o le banche possono recuperare il denaro prestato sono generalmente attraverso il decreto ingiuntivo, il precetto e, appunto, il pignoramento. 

Il pignoramento è una a tutti gli effetti una azione giudiziaria che consente a un creditore di acquisire beni del debitore. Nel caso del pignoramento immobiliare è possibile pignorare e vendere all'asta il bene immobiliare per soddisfare il creditore.


Was this answer helpful?

L'ipoteca è un diritto di garanzia che attribuisce al creditore la facoltà di espropriazione del bene del debitore e, quindi, la sua vendita forzata. Inoltre non fa perdere al debitore la disponibilità e il godimento del bene.

L'ipoteca volontaria si realizza quando il diritto reale di garanzia su un bene immobile è basato sulla volontà delle parti. La dichiarazione di volontà deve essere contenuta in un atto pubblico o in una scrittura privata, a pena di nullità. La creazione di una ipoteca volontaria viene solitamente utilizzata a garanzia della accensione di mutui immobiliari.

L'ipoteca può essere estinta e ha come effetto la liberazione dell'immobile. L'estinzione dell'ipoteca comporta il diritto a ottenerne la cancellazione mediante annotazione a margine dei registri immobiliari.


Was this answer helpful?

L'ipoteca è un diritto di garanzia che attribuisce al creditore la facoltà di espropriazione del bene del debitore e, quindi, la sua vendita forzata. Inoltre non fa perdere al debitore la disponibilità e il godimento del bene.

L’ipoteca giudiziale possa essere iscritta in base a una sentenza che preveda la condanna al pagamento di una somma di denaro o all’adempimento di un’obbligazione o al risarcimento dei danni a carico di un soggetto debitore. Una sentenza può costituire titolo per l’iscrizione dell’ipoteca giudiziale se è una sentenza di condanna; non è sufficiente una sentenza di semplice accertamento di un diritto o solo costitutiva.

La cancellazione dell’ipoteca giudiziale viene eseguita sulla base di un atto di consenso del creditore reso nelle forme previste dall’art. 2657 del Codice Civile o sulla base di sentenza o provvedimento passato in giudicato nel quale il giudice ordina la cancellazione dell’ipoteca.


Was this answer helpful?

Con Homstate decretiamo lo stop agli assegni alla proposta di acquisto e introduciamo la super visione del notaio sin dal preliminare di compravendita. Inoltre la piattaforma garantisce sicurezza e protezione dei dati, tutti i documenti e gli atti delle fasi della compravendita sono digitalizzati e immediatamente disponibilità alle parti interessate.

Questi sono solo alcuni degli elementi rivoluzionari del nuovo network immobiliare online, il cui sito Internet è la vera vetrina immobiliare, è il punto iniziale di incontro tra acquirenti e venditori che riceveranno comodamente a casa propria i nostri consulenti presenti sul territorio. Si esatto, direttamente a casa vostra o presso il vostro ufficio o dove voi preferite.


Was this answer helpful?

Entro 48 ore dall’affidamento sei online con foto HD, planimetrie 3D e tutta la pubblicità che serve in base al pacchetto di servizi che hai scelto. Ci impegniamo a vendere il tuo immobile in tempi brevi e, soprattutto, con risultati soddisfacenti. Per ottenere il meritato successo, adottiamo tecnologie all’avanguardia e pubblicizziamo il tuo immobile in modo capillare ed efficace.

I potenziali acquirenti del tuo immobile saranno raggiunti da inserzioni pubblicitarie mirate, vedranno il tuo annuncio di vendita sui portali immobiliari nazionali più conosciuti ed entreranno in contatto con te grazie alla costante presenza del tuo consulente dedicato Homstate. 

Scegli come il tuo immobile merita di essere presentato al pubblico di Internet: per la tua vendita realizziamo fotografie HD ad alta definizione, tour virtuali certificati Google, planimetrie 3D e rendering ambientali. 


Was this answer helpful?

Homstate è un servizio immobiliare low cost con elevati standard di qualità: abbiamo industrializzato il settore della compravendita immobiliare e grazie a questo possiamo offrire ai nostri clienti un servizio a costi ridotti e con assistenza, strumenti e mezzi pubblicitari di elevata qualità. Nella sezione quanto risparmi può misura i vantaggi di Homstate: i nostri packs per la vendita.



Was this answer helpful?

Puoi fare un reset della tua password inserendo il tuo indirizzo mail all'interno del modulo di login.


Was this answer helpful?

La denuncia dei vizi occulti deve essere effettuata a pena di decadenza entro otto giorni dalla scoperta, salvo che il contratto non disponga diversamente. Di fondamentale importanza è il fatto che la denuncia non è necessaria nella ipotesi in cui il venditore abbia riconosciuto l'esistenza dei vizi. Effettuata in modo tempestivo la denuncia, il compratore ha un termine di prescrizione di un anno per far valere in giudizio la garanzia.


Was this answer helpful?

Sì, è possibile. È necessario ovviamente e preventivamente dotarsi di specifica autorizzazione da parte del giudice tutelare. Nel caso in cui i minori non siano in possesso della necessaria provvista di denaro per l'acquisto, uno o entrambi i genitori potranno provvedere in loro vece con apposita donazione previa autorizzazione sempre del giudice tutelare.


Was this answer helpful?

Per acquistare un immobile con un mutuo si può fare una proposta d'acquisto scritta indicando nelle clausole "vincolata all'accettazione del mutuo"; viene usata questa formula per permettere agli acquirenti la possibilità di chiedere il finanziamento, senza il rischio di perdere un'eventuale caparra versata. Infatti, in caso di esito negativo della richiesta, l'accordo preso tra venditore e acquirente cessa di esistere. Conviene, prima di iniziare le visite agli immobili selezionati, recarsi in un istituto bancario o da un consulente creditizio per accertarsi sulla fattibilità di avere un mutuo.


Was this answer helpful?

Se l’impresa costruttrice, dalla quale è stato acquistato l’immobile, subisce un fallimento successivo alla data di acquisto, si presentano alcuni rischi tra cui:

  1. il rogito di acquisto viene revocato nel caso in cui sia stato compiuto entro un anno prima della dichiarazione di fallimento e a patto che il bene trasferito dal fallito abbia un valore che supera di oltre un quarto il prezzo pagato; la revoca del rogito non avviene se è stato pagato un prezzo adeguato, secondo i valori di mercato;
  2. il rogito di acquisto può essere revocato se è stato compiuto entro sei mesi prima della dichiarazione di fallimento, ma solo se il curatore del fallimento prova in giudizio che l'acquirente era in malafede, ovvero se era a conoscenza circa le difficoltà finanziarie e/o economiche della società venditrice. In entrambi i casi, però, l'acquisto non può essere revocato ed è quindi salvo, se si tratta di vendita al giusto prezzo di immobile a uso abitazione e destinato ad abitazione principale dell'acquirente; questo vale indipendentemente da quando l'acquisto è stato effettuato, rispetto alla successiva dichiarazione di fallimento.


Was this answer helpful?

In presenza di vizi della cosa, il compratore può esercitare due azioni: l'azione redibitoria, con la quale domanda la risoluzione del contratto e la restituzione del prezzo versato (deve, però, essere restituito il bene viziato oggetto delle vendita al venditore), oppure l'azione estimatoria, con la quale domanda la riduzione del prezzo. Le due azioni sono alternative.

In ogni caso il compratore può chiedere il risarcimento dei danni subiti se il venditore non prova di avere ignorato senza colpa i vizi della cosa venduta.


Was this answer helpful?

Di seguito si riportano a titolo indicativo e non esaustivo le imposte variabili (imposta di Registro) e le imposte fisse (ipotecaria e catastale) da versare con l’acquisto di una nuova casa:

  1. se si acquista da un privato l’imposta di Registro è calcolata al 3% (se prima casa) del valore catastale (ricavato dalla rendita catastale), mentre al 7% (se seconda casa). Le imposte ipotecaria e catastale invece sono calcolate in misura fissa di 168 euro nel primo caso e rispettivamente al 2% e all’1% nel secondo caso;
  2. se si acquista da una impresa di costruzioni (entro 4 anni dalla ultimazione dell’immobile) non si paga l’imposta di Registro, ma si paga l’IVA al 4% (se prima casa), al 10% (se seconda casa), al 20% (se seconda casa di lusso), calcolata però sul prezzo dichiarato di acquisto e non più sul valore catastale. Le imposte ipotecaria e catastale sono invece anche qui calcolate in misura fissa di 168 euro nel primo caso e rispettivamente al 2% e all’1% nel secondo caso;
  3. se si accende un mutuo occorre stilare un ulteriore atto dal notaio e pagare un’imposta pari allo 0,25% della somma del mutuo (se prima casa) oppure al 2% della stessa (se seconda casa);
  4. spese notarili variabili in base alla parcella del notaio (indicativamente e mediamente tra i 2000 euro e 3000 euro.


Was this answer helpful?

La vendita di beni immobili può essere conclusa con patto di riscatto; in sostanza il venditore si riserva il diritto di riavere la proprietà della cosa venduta mediante la restituzione del prezzo. In particolare, nel caso di vendita di beni immobili, il termine per il riscatto non può essere maggiore di cinque anni.

Il patto di riscatto crea un vincolo reale sulla cosa venduta e, pertanto, anche se il primo acquirente dovesse rivendere il bene, il primo venditore potrà esercitare il riscatto anche nei confronti del terzo acquirente (nel caso di beni immobili il patto di riscatto dovrà essere stato trascritto alla Conservatoria dei registri immobiliari).

Il venditore che esercita il diritto di riscatto riacquista la proprietà libera da pesi o ipoteche, eventualmente costituite successivamente alla stipulazione del patto di riscatto regolarmente trascritto.


Was this answer helpful?